news

I Distributori d’Acqua per l’ufficio

 

Un corretto approvvigionamento idrico consente ai dipendenti e a i frequentatori tutti di uffici o attività commerciali, non solo di dissetarsi ove necessario, ma anche di poter avere un intermezzo rilassante in una stressante giornata di lavoro, o in attesa di essere ricevuti se clienti.

Consulenze e preventivi

Prima di addentrarsi nell’acquisto dei distributori per l’acqua per l’ufficio è bene rivolgersi a ditte qualificate che sapranno non solo consigliare, ma anche indirizzare sapientemente con preventivi gratuiti e dettagliati verso l’acquisto o il comodato d’uso. In uffici particolarmente capienti il numero delle macchine installabili può aumentare, dando così origine a delle scontistiche particolari e dei pagamenti personalizzati.

Le diverse tipologie di distributori per l’acqua

Per comprendere a pieno il mondo dei distributori acqua per ufficio dobbiamo essere consapevoli che in commercio esistono diversissime tipologie, a partire dalle dimensioni in termini di litri da erogare, fino alle diverse gradazioni di acqua, frizzante o liscia, fredda o a temperatura ambiente. In tutti i casi le ditte distributrici si occupano della manutenzione ordinaria consistente nella sostituzione dei serbatoi vuoti e nella corretta taratura della mineralizzazione, e di quella straordinaria, per riparare guasti o aggiungere optional che in prima istanza non erano stati previsti. Normalmente si tratta di accordi commerciali tra il produttore ed il singolo cliente, ma la prassi tratta il macchinario in comodato d’uso gratuito, con l’impegno al rifornimento presso la stessa ditta produttrice, per un reciproco vantaggio da ambo le parti. Quelle che potremmo considerare come macro differenze, consistono principalmente nei sistemi a boccione e quelli a fontana. Nel primo caso un contenitore genericamente in plastica è esterno alla struttura erogatrice e dà immediata percezione dei consumi e della capacità residua. Nella seconda ipotesi, che definiremo più “easy”, un pulsante aziona una fontanella erogante un solo tipo di acqua prevista, risultando meno performante del collega precedentemente descritto.

Le gradazioni per l’acqua frizzante

Per ritenere efficace un distributore di acqua, un corretto dosaggio della frizzantezza è assolutamente fondamentale. Se infatti dall’esterno si presenta come un semplice boccione con uno o due rubinetti, il dispensatore del liquido presenta al suo interno, almeno nei modelli più sofisticati, due sistemi di filtraggio diversi. Una pompa ad osmosi inversa consente, in un primo step permette all’acqua di essere privata della gran parte delle impurità presenti in partenza permettendo quindi a ciò che beviamo di essere quanto più pura possibile. Un successivo strumento, che deve essere tarato a cura del personale della ditta produttrice, consente di dare un tono più o meno frizzante all’acqua, a seconda dei gusti del cliente. Per essere considerata valida e perfetta, al termine di questi due processi, l’acqua che sgorga dal rubinetto dovrebbe essere misurata dal personale addetto con un conducimetro di trasmissione di elettricità statica. Un valore conseguente al di sotto dei centotrenta gradi di conducibilità elettrica rivela un prodotto finale altamente depurativo e quindi una acqua assolutamente pura ed efficace.

Agevolazioni fiscali

Se al posto del comodato d’uso si optasse per l’acquisto vero e proprio regolarmente fatturato, la conseguente installazione di una o più macchine all’interno della propria azienda commerciale permette uno scarico dell’IVA considerevole, esistendo i presupposti per definire tale acquisto come bene di consumo aziendale e quindi inseribile a bilancio nella voce ammortamenti.