benessere

Curarsi in giro per il mondo. Garantirsi la salute andando all’estero.

Se il diritto alla salute è ancora formalmente presente nel nostro ordinamento, similarmente ad altre nazioni economicamente avanzate europee, al lato pratico, il supporto che il cittadino ottiene per la salute ed il benessere da parte del sistema pubblico va calando anno dopo anno.

In concreto, molte prestazioni che sino a poco tempo erano gratuite e svincolate da ogni limitazione, oggi, sono divenute a pagamento od accessibili solamente con il pagamento di oneri economici (i famosi ticket sanitari) che le rendono di fatto non più gratuite.

E’ chiaro che di fronte ad una situazione come questa, le persone che necessitano di cure e sostegno sanitario tendano a cercare altrove delle soluzioni concrete ed alla portata.

Turismo sanitario. Una realtà già oggi ben presente.

La denominazione di turismo sanitario in effetti non è poi così campata in aria se guardiamo alle dinamiche in corso.

Sempre più cittadini cercano di risparmiare sulle cure e sull’accesso alla salute, anche mediante la realizzazione di viaggi all’estero duranti i quali si unisce un periodo di vacanza con uno di cura.

La vendita di pacchetti sanitari-turistici coinvolge moltissimi operatori del settore e riguarda cure di ogni tipo.

In certi paesi, rispetto alla nazione di residenza infatti, il costi di alcuni farmaci scende anche del 90% e le tariffe per operazioni e trattamenti sanitari di vario tipo tipo, possono costare anche 3 o 4 volte meno.

Un risparmio notevole senza dubbio, tenendo conto del fatto che alcune cliniche di buon livello all’estero(in particolare in alcuni paesi in via di sviluppo), spesso, hanno costi molto attrattivi.

Se a questo aggiungete poi i continui tagli al budget dei sistemi sanitari pubblici nei paesi occidentali, capirete che prospettive di crescita ci sono in questo comparto.

Il futuro del turismo sanitario. Un fenomeno che riscontrerà una crescita importante.

L’invecchiamento medio della popolazione mondiale, sta coinvolgendo non solo i principali paesi sviluppati ma riguarda sempre di più anche quelle nazioni che sono ancora in una fase di sviluppo economico.

Nell’ambito delle cure a pagamento, il turismo dentale costituisce oggi l’esempio più evidente di turismo sanitario e coinvolge ormai a livello globale milioni di soggetti di varia estrazione che scelgono strutture sanitarie anche distanti migliaia di chilometri rispetto al proprio domicilio.

E’ logico pensare che in un mondo dove la popolazione è costituita sempre di più da soggetti anziani o maturi, il giro di affari delle spese sanitarie è per forza destinato a crescere ovunque.

Un’altra spinta in più alla crescita dei dati sul turismo sanitario.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi