benessere

Come usare gli oli essenziali

Ricorrere agli oli essenziali per migliorare il proprio benessere è una pratica sempre più diffusa. Ma in quanti siamo capaci di farlo nel modo corretto?

Non tutti sanno, infatti, che queste sostanze vanno utilizzate con attenzione e nelle quantità e con gli strumenti idonei allo scopo che ci interessa. Affidarsi ad un esperto è sempre la decisione migliore.

Se non si ha il tempo di recarsi in bottega basta ricorrere al web. Ci sono molte fonti attendibili per raccogliere informazioni utili. Sul Blog di Oli&Aromi, ad esempio, è possibile consultare diversi articoli che spiegano come usare gli oli essenziali.

Perché il metodo che si sceglie, insieme alla quantità di olio adatta, varia a seconda del beneficio che cerchiamo.

Spieghiamoci meglio

Le proprietà degli oli essenziali agiscono a livello del corpo, della mente e dello spirito. Dopo una intensa attività fisica, ad esempio, un uso topico delle essenze, abbinate a un massaggio, sarà la scelta ideale.

Per trovare serenità e ridurre lo stress dopo una giornata di lavoro, l'ideale è diffondere l'olio nell'aria grazie all'impiego di un diffusore per ambienti.

Ci sono anche casi in cui gli oli essenziali possono essere assunti per via orale ma è una pratica che prevede delle controindicazioni e che non va effettuata senza consulto medico, né in stato di gravidanza.

Scopriamo insieme le procedure più comuni e utili per usare gli oli essenziali

Bastano poche gocce per produrre gli effetti che desideriamo sia sulla nostra pelle che a favore della mente e delle emozioni.

I metodi più diffusi sono:

1- L'olio essenziale viene emanato nell'aria tramite un diffusore. Questo metodo non ha controindicazioni ed è semplice, anche se non ha un effetto immediato. Il profumo degli oli, però, riempie l'aria e tramite la respirazione arriva nei polmoni e poi nel sangue dove produce i suoi benefici.

Per un ambiente di dimensioni medie basterà aggiungere 2 o 4 gocce all'acqua del diffusore e mantenere la sua temperatura sui 60°C.

2- Degli oli essenziali si può anche fare un uso topico. Queste sostanze vengono assorbite facilmente e basta applicare da 1 a 5 gocce sulla pelle con un massaggio per ottenere un buon effetto. L’unica accortezza da adottare, quando se ne fa un uso topico, è la diluizione dell'olio in un cosiddetto “olio vettore” per evitare possibili irritazioni della pelle. La dose consigliata è: una parte di olio essenziale in 4-5 parti di olio vegetale come quello frazionato di cocco.

3- Per ottenere un effetto maggiore rispetto a quello del diffusore, poche gocce di olio essenziale possono essere sciolte nell'acqua calda e assunte per inalazione. Questo metodo è molto utile in caso di malattie delle vie respiratorie.

Le destinazioni d'uso degli oli essenziali sono, comunque, infinte e tutte da scoprire. Ad esempio, si possono utilizzare in cucina per profumare le pietanze, sui polsi come profumo o nell'acqua del bagno e dell'idromassaggio per un ottenere effetto rilassante.

Il Blog di Oli&Aromi offre più articoli in cui viene spiegato come usare gli oli essenziali. Ti invitiamo a leggerli e informarti, nonché ad usare nel modo più corretto gli oli per beneficiare di ciò che sapranno donarti.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi